Piazze d’Italia

share on:

 


Time is Out of Joint
Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea

“Alle spalle della scultura di Martini, quattro dipinti di de Chirico, anzi quattro dipinti tipicamente dechirichiani, Piazze d’Italia, paesaggi urbani sospesi e deserti, torri, muri che come la siepe di Leopardi escludono allo sguardo parte dell’ultimo dell’orizzonte ma non i treni che sfilano sbuffando verso destinazioni ignote”.

Tommaso Pincio dal catalogo di Time is Out of Joint

 

Abbiamo chiesto a Gabriele Simongini, storico e critico d’arte, professore all’Accademia di Belle Arti di Roma, Fabio Benzi, storico dell’arte e docente universitario, Paolo Picozza, presidente della Fondazione Giorgio e Isa de Chirico, Marcella Cossu, storica dell’arte della Galleria Nazionale, Franco Purini, architetto e docente universitario, Franco Rella, filosofo e docente universitario, Valerio Mosco, architetto e docente universitario e Valeria Lupo, architetta della Galleria Nazionale, Massimo Licoccia, architetto della Galleria Nazionale, Andrea Cortellessa, critico letterario e docente universitario, un contributo per il nostro blog.

 

Il presagio delle Piazze d’Italia di Gabriele Simongini

Le Piazze d’Italia e Gli archeoligi di Fabio Benzi

Le Piazze d’Italia. La metafisica ai tempi del Coronavirus di Paolo Picozza

La visione pittorica di Giorgio de Chirico di Marcella Cossu

In attesa della arti di Franco Purini

Nel tempo senza tempo di Franco Rella

Piazze d’Italia di Valerio Paolo Mosco

Le Piazze d’Italia di de Chirico e le città del silenzio di Valeria Lupo

La piazza dell’architetto e dell’artista di Massimo Licoccia

La natura convalescente di Andrea Cortellessa

Roma città chiusa di Anton Giulio Onofri

 


Giorgio de Chirico, Piazza d’Italia con statua, 1937
Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea