La Galleria Nazionale La Galleria Nazionale

Mostre in corso

Konrad Mägi
10.10.2017 — 28.01.2018

Konrad Mägi

In concomitanza con l’avvio del Semestre di Presidenza Estone dell’Europa, l’Eesti Kunstimuuseum – Museo nazionale d’arte, Estonia e l’Ambasciata dell’Estonia in Italia promuovono, alla Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, la prima ampia mostra europea su Konrad Mägi (1878 – 1925), uno dei maggior artisti del Novecento estone.

→leggi+

È solo un inizio. 1968
03.10.2017 — 14.01.2018

È solo un inizio. 1968

È solo un inizio. 1968, non è solo il titolo della mostra a cura di Ester Coen o lo slogan dell’insurrezione del Maggio francese, ma un invito a guardare ai processi, al divenire, all’apertura di quanto inizia e mai più smetterà di iniziare, sempre di nuovo, dal ’68 in poi. L’arte, la democrazia, la vita, niente sarà più uguale dopo di allora, eppure niente sarà mai una conquista sicura. Del ’68 non ci restano la sua storia, le sue sconfitte, le sue vittorie, ma un monito che diventa elogio dell’incompiuto: Ce n’est qu’un début.

→leggi+

Palma Bucarelli. La sua collezione – Renato Guttuso. Un uomo innamorato
03.10 — 26.11.2017

Palma Bucarelli. La sua collezione – Renato Guttuso. Un uomo innamorato

Lunedì 2 ottobre 2017, contestualmente alla grande mostra del Salone Centrale, È solo un inizio. 1968, curata da Ester Coen, la Galleria Nazionale inaugura nella Sala Aldrovandi, le due esposizioni Palma Bucarelli. La sua collezione, a cura di Marcella Cossu e Renato Guttuso. Un uomo innamorato, a cura di Barbara Tomassi.

→leggi+

Time is Out of Joint
11.10.2016 — 15.04.2018

Time is Out of Joint

Con l’inaugurazione della grande mostra Time is Out of Joint, lunedì 10 ottobre 2016, la Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, diretta da Cristiana Collu, scrive un nuovo capitolo della sua storia portando a compimento l’ampio processo di trasformazione, riorganizzazione e riallestimento, iniziato il 21 giugno 2016, con la restituzione al pubblico di spazi completamente rinnovati e la profonda rilettura delle sue collezioni.

→leggi+

website in progress