La Galleria Nazionale La Galleria Nazionale

← Back
Giacomo Balla, Villa Borghese - Parco dei Daini, 1910

Fior-Balla
24.03.2017

“Basta con i fiori naturali” proclamava, nel novembre del 1924, il manifesto per La flora futurista ed equivalenti plastici di odori artificiali. Nella loro campagna contro ogni retaggio del passato (cominciata nel 1915 con il manifesto della Ricostruzione Futurista dell’Universo), i Futuristi avevano dichiarato guerra anche al mondo vegetale, accusato di essere una vera e propria “stonatura” nel panorama della modernità meccanica. Giacomo Balla per primo creò, tra il 1918 e il 1925, un suo vivaio artificiale dove plasmò una grande varietà di fiori coloratissimi appellandosi alle leggi della geometria. “Fior-Balla” si concretizza proprio nella realizzazione di questa flora plastica grazie all’ispirazione di Lucia D’Amato che farà da cantastorie con un insolito strumento: il kamishibai, teatro di carta giapponese del secolo scorso.
Il laboratorio sarà preceduto da una breve visita a cura di Stefania Frezzotti alla mostra di Balla “Un’onda di luce”, alla Galleria Nazionale di Arte Moderna e Contemporanea fino al 26 marzo 2017.

info

24 marzo, ore 15.15
gratuito, partecipazione inclusa nel biglietto
prenotazioni nunzia.fatone@beniculturali.it

calendario attività /Per tutti

website in progress